Direttiva Case Green – OK del Parlamento Europeo

Direttiva Case Green – OK del Parlamento Europeo

Emissioni zero per i nuovi edifici dal 2030 – Un volume pari al 20/22% del patrimonio edilizio esistente dovrà essere efficientato entro il 2035 – Introduzione di nuove agevolazioni fiscali ed ipotesi ritorno allo sconto in fattura.

 

È arrivato il via libera dal Parlamento Europeo alla Direttiva Case Green.

La norma, che ricordiamo, punta ad “emissioni zero entro il 2050”, è passata grazie a 370 voti favorevoli, 199 contrari e 46 astenuti.

 

Diventerà obbligatorio, a partire dal 2028, che gli edifici pubblici di nuova costruzione dovranno garantire performance energetiche pari a “emissioni zero”.
Gli obiettivi per gli edifici della pubblica amministrazione prevedono due step:

1) Almeno il 16% degli edifici pubblici dovrà essere riqualificato energeticamente entro il 2030

2) Almeno il 26% degli edifici pubblici dovrà essere riqualificato energeticamente entro il 2033

 

Per quanto riguarda gli edifici residenziali, l’obbligo scatterà a partire dal 2030, in questo caso gli obiettivi sono:

1) Almeno il 16% degli edifici residenziali dovrà essere riqualificato energeticamente entro il 2030

2) Almeno il 20/22% degli edifici residenziali dovrà essere riqualificato energeticamente entro il 2035

 

Altro tema di alto impatto è l’obbligo di eliminare i generatori alimentati a gas a partire dall’anno 2040, mentre già a partire dal 2025 non sarà più possibile ottenere le incentivazioni fiscali per l’acquisto e la posa di generatori di calore alimentati a gas (c.d. Caldaie a gas).
Le incentivazioni saranno invece ancora garantite per i generatori di calore “Ibridi”, intendendo per “ibridi” una soluzione che preveda, oltre alla caldaia a gas, l’integrazione di ulteriori impianti “green” quali il solare termico e le pompe di calore elettriche.

 

Al fine di raggiungere gli obiettivi previsti dalla neonata direttiva green, i paesi membri dovranno adottare specifiche misure atte ad incentivare l’installazione di soluzioni “green” concentrandosi maggiormente nei confronti degli edifici cosiddetti “energivori” (ad alto consumo energetico).
L’obiettivo, infatti, prevede una riduzione dei consumi nella misura del 55% che dovrà derivare dall’ammodernamento degli edifici maggiormente inquinanti (quelli meno performanti a livello energetico).

 

La direttiva apre l’opportunità, per gli stati membri, di perseguire gli obiettivi mediante l’utilizzo di strumenti finanziari di sostegno, quali ad esempio le detrazioni fiscali (già attualmente in vigore) con l’ulteriore possibilità di introdurre strumenti economici “diretti” come, ad esempio, il meccanismo dello “sconto in fattura”.
Ricordiamo che, attualmente, lo strumento dello sconto in fattura è stato sostanzialmente abrogato a febbraio 2023 (restano attivi gli sconti in fattura solo per alcune categorie di interventi ed esclusivamente per alcuni soggetti con redditi bassi).

Inoltre, l’attuale impianto normativo prevede che gli incentivi fiscali per interventi di riduzione dei consumi energetici (c.d. Eco-bonus) vedranno la propria scadenza naturale al 31 dicembre 2024, pertanto, è auspicabile che entro fine anno verrà prevista una ulteriore proroga o una eventuale rimodulazione delle aliquote incentivanti in base al grado di miglioria energetica ottenuta sull’edificio riqualificato. La direttiva, inoltre, prevede la possibilità di applicare anche dei fondi di garanzia.

 

Il testo della direttiva dovrà a breve ricevere il via libera del Consiglio europeo e successivamente sarà pubblicato in Gazzetta per la sua entrare in vigore, di conseguenza, gli stati membri avranno due anni di tempo per recepire la normativa e renderla attuabile all’interno dei propri ordinamenti.

 

Cordiali saluti e buon lavoro dallo Staff di

Systech Italia e Systech Engineering – www.eco-bonus.it

 

 

Gestione completa Bonus 75%
Proposta 2
Questa procedura è in fase di sviluppo e sarà operativa a breve
close-link

Richiedi assistenza

Se desideri ottenere maggiori informazioni o hai domande, scrivici un messaggio e verrai messo in contatto con un nostro consulente! Invia un messaggio