Avviso importante – Aggiornamento del 22/11/2021 sul D.L. 157

Avviso importante – Aggiornamento del 22/11/2021 sul D.L. 157

L’Agenzia delle Entrate, tramite il proprio portale telematico, ha divulgato nuove FAQ alla luce dell’entrata in vigore del Decreto-Legge n. 157.

 

A questo link è possibile consultare l’elenco completo delle FAQ di nuova pubblicazione: Clicca qui per leggere tutte le nuove FAQ

 

Vediamo, in dettaglio, quali novità emergono dalla lettura delle FAQ:

 

  • l’apposizione del visto fiscale e l’asseverazione per la verifica della congruità dei prezzi NON SONO NECESSARI per gli interventi che alla data dell’11 Novembre u.s. erano stati già contrattualizzati, fatturati e pagati (quota a carico del cliente al netto dello sconto applicato), ma per i quali non era stata ancora predisposta la comunicazione all’Agenzia delle Entrate. Pertanto, in questi casi, sarà possibile procedere con l’invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate per l’applicazione dello sconto in fattura o per la cessione del credito. Il portale per l’invio della comunicazione sarà reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate a partire dal giorno 26 Novembre 2021.

 

  • per tutti gli interventi per i quali la comunicazione all’Agenzia delle Entrate è stata già effettuata entro la data dell’11 Novembre u.s., NON E’ NECESSARIO ottenere il visto fiscale e l’asseverazione per la verifica della congruità dei prezzi.

 

  • in regime transitorio, e fino all’emanazione del “nuovo” Decreto Prezzi (relativo all’individuazione dei valori massimi per talune categorie di beni ai fini dell’asseverazione della congruità delle spese), potranno essere utilizzati per la determinazione dei costi massimi ammissibili a detrazione, i “prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome, i listini ufficiali o i listini delle locali camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, i prezzi correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.”

 

  • l’asseverazione per la verifica della congruità dei prezzi dovrà attestare solo questa condizione e non, come per il Superbonus 110%, anche la conformità tecnica relativa all’intervento. Resta, ovviamente, fermo il rispetto dei requisiti e degli adempimenti specificamente previsti per la fruizione delle agevolazioni fiscali diverse dal Superbonus di cui al comma 2 del citato articolo 121 del decreto Rilancio. Ad esempio, per gli interventi finalizzati al risparmio energetico che danno diritto alla detrazione di cui all’articolo 14 del decreto legge n. 63 del 2013 è necessario porre in essere gli adempimenti previsti dal decreto ministeriale 6 agosto 2020 (requisiti) nel caso di interventi effettuati a partire dal 6 ottobre 2020, ovvero, dal decreto ministeriale. 19 febbraio 2007 per quelli iniziati in data antecedente.

 

Seguiranno ulteriori comunicazioni,

cordiali saluti

 

Di seguito riportiamo la comunicazione del 16 Novembre scorso:

L’11 Novembre scorso, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto-legge (Antifrodi) n. 157, recante “Misure urgenti per il contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche”.

 

Le misure contenute in tale decreto si applicano a partire dal 12 novembre 2021.

 

Il decreto, ai fini della trasmissione della Comunicazione opzione sconto in fattura e cessione del credito, per i bonus fiscali ordinari (Ecobonus, Bonus Casa, Bonus Facciate, Bonus Fotovoltaico) prevede le nuove seguenti misure:

  1. Il Visto di Conformità fiscale;
  2. L’asseverazione di congruità della spesa da parte del tecnico abilitato.

Sul punto si segnala che, pur essendo possibile trasmettere la Comunicazione di cessione del credito/sconto in fattura (l’Agenzia delle entrate ha riaperto il canale di trasmissione a partire dal 15 novembre 2021), non sono state ancora chiarite le modalità di rilascio dell’asseverazione da parte dei tecnici abilitati.

Pertanto, ad oggi non è possibile inviare le Comunicazioni di cessione del credito/sconto in fattura per i bonus fiscali ordinari in quanto i ns. tecnici abilitati, in assenza di regole definitive di prossima emanazione, non possono rilasciare l’asseverazione di congruità della spesa e di conseguenza non è possibile apporre il visto di conformità fiscale (necessario ai fini della Comunicazione dell’opzione sconto in fattura/cessione del credito).

Systech Italia srl procederà con l’apposizione del visto di conformità non appena sarà chiarito il punto di cui sopra e saranno acquisiti gli ulteriori documenti introdotti dalla nuova normativa (attendiamo proprio questo chiarimento dal Legislatore).

 

Per le pratiche le cui Comunicazioni sono state inviate entro la data dell’11 novembre 2021, riteniamo che sia possibile inviare la comunicazione ENEA anche in assenza della verifica della congruità dei costi rilasciata dal tecnico abilitato (sempre entro i 90 gg dalla data di conclusione dell’intervento).

Lo Staff di Systech Italia srl è in costante contatto con gli enti preposti per sollecitare tutti i chiarimenti e gli aggiornamenti tecnici necessari ai fini della ripresa delle attività di trasmissione delle Comunicazioni di cessione del credito/sconto in fattura per i bonus fiscali ordinari.

Ricordiamo che sebbene il decreto-legge sia già attivo, potrebbero essere necessari ulteriori 60 giorni perché venga convertito in legge. La conversione in legge potrebbe essere soggetta a “modificazioni” che speriamo potranno rendere il nuovo iter fruibile come in passato. Successivamente verrà emanato un nuovo decreto (c.d. Decreto Prezzi) che definirà i nuovi massimali di spesa per gli interventi ammessi ad incentivazione.

 

 

 

Richiedi assistenza

Se hai problemi con la compilazione della pratica oppure con altre procedure del sito puoi utilizzare il pulsante qui sotto: un nostro esperto ti risponderà appena possibile! Invia un messaggio